Gioberti Internazionale

Il nostro Istituto presenta, fra indirizzo classico e linguistico, un’offerta curricolare di complessive sei lingue straniere: francese, greco, inglese, latino, spagnolo e tedesco; in ambedue gli indirizzi si offre una formazione che copre sia lingue classiche che moderne.

La popolazione studentesca del Liceo Gioberti è linguisticamente varia: ogni anno ospitiamo nelle nostre classi studentesse e studenti in scambio internazionale, inoltre numerosi fra i nostri allievi frequentano parte del loro percorso di istruzione all’estero e/o vi svolgono attività di volontariato, infine non pochi sono “nativi bilingui”, poiché una lingua diversa dall’italiano fa, o ha fatto parte, della loro quotidianità (ad es. la usano con i loro famigliari, hanno vissuto fuori Italia, oppure ancora hanno frequentato scuole internazionali).

Il nostro Istituto, partendo da questi dati di realtà, aiutandosi con la propria anagrafe linguistica (nota 1) e seguendo le Direttive del MIUR e delle Istituzioni Europee (nota 2), si impegna a riconoscere e a sostenere la ricchezza del patrimonio linguistico di studentesse e studenti frequentanti, e a facilitare lo scambio fra essi, così da favorire lo sviluppo di competenze plurilingui, sociali, civiche e interculturali. Siamo convinti che l’educazione pluri-linguistica possa concorrere alla costruzione identitaria dei nostri allievi, essa è inoltre uno strumento forte nell’approcciarsi alle diverse discipline: per questi motivi ci adoperiamo per realizzare una didattica sempre più attenta alle esigenze di classi cosmopolite e poliglotte.

nota 1: Ispirandosi a buone pratiche attive in numerosi paesi europei, e grazie a una ricerca/azione svolta all’interno di un’attività di Alternanza Scuola Lavoro (https://www.giuntiscuola.it/sesamo/in-classe/in-classe/chi-e-bilingue-una-ricerca-azione-condotta-dagli-studenti/), dal 2017 il nostro Istituto è dotato di un’anagrafe linguistica che viene costantemente aggiornata da genitori, studenti e insegnanti. Sua finalità è far emergere il patrimonio linguistico dei nostri numerosi studenti plurilingui, così da poter realizzare una didattica sempre più attenta alle esigenze di classi multilingui.

nota 2: MIUR (2014) “Linee guida per l’integrazione degli alunni stranieri”; Osservatorio nazionale per l’integrazione degli alunni stranieri e per l’intercultura (2015) “Diversi da chi? Un vademecum per l’integrazione”; Consiglio d’Europa (2015) “Le dimensioni linguistiche di tutte le discipline scolastiche”; Osservatorio nazionale per l’integrazione degli alunni stranieri e per l’intercultura (2016) “L’italiano che include: la lingua per non essere stranieri”; Consiglio d’Europa (2016) “Guida per lo sviluppo e l’attuazione di curricoli per una educazione plurilingue e interculturale”; Consiglio d’Europa (2016) “Competenze per una cultura della democrazia”; Consiglio d’Europa (2018) “Quadro comune europeo di riferimento per le lingue – volume accompagnatore con nuovi descrittori”.